Omicidio Stradale

30 Gen    Newsletter
Gen 30

Omicidio Stradale

Il 24 marzo 2016 sono entrati in vigore i reati di

OMICIDIO STRADALE 

LESIONI PERSONALI STRADALI

 

DI COSA SI TRATTA?

L’omicidio stradale e le lesioni personali derivanti dalla circolazione diventano autonome fattispecie di reato espressamente previste dal Codice Penale.

Sino ad ora rappresentavano delle semplici aggravanti dei reati di omicidio colposo e di lesioni personali colpose.

REATO DI OMICIDIO STRADALE(Art. 589 bis del codice penale)

Chiunque cagioni per colpa la morte di una persona con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale è punito con la reclusione da 2 a 7 anni.

PENE DECISAMENTE INASPRITE

Per l’omicidio stradale possono essere comminatepene fino a 18 anni di carcere.

Per le lesioni personali stradali la pena può arrivare fino a 7 anni di carcere.

Come pena accessoria è prevista la revoca della patente fino a 30 anni.

CIRCOSTANZE AGGRAVANTI (stato di ebrezza e stupefacenti)

Chiunque, ponendosi alla guida di un veicolo a motore in stato di ebrezza alcolica, con tasso alcolemico oltre 1,5 g/l, o di alterazione psico-fisica conseguente all’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope, cagioni per colpa la morte di una persona, è punito con la reclusione da 8 a 12 anni.

Se il tasso alcolemico è superiore a 0,8 g/l è punito con  la reclusione da 5 a 10 anni.

Se trattasi di conducente abilitato al trasporto di persone o cose e guidatori di veicoli con massa superiore a 35 q.li, autobus, veicoli con più di 8 passeggeri, autoarticolati e autosnodati, è punito con lareclusione da 8 a 12 anni.

 

ALTRE CIRCOSTANTI AGGRAVANTI

 

Eccesso di velocità (oltre 70 km/h in strada urbana e superiore a 50 km/h rispetto alla velocità consentita in strada extraurbana) – Passaggio con semaforo rosso – Circolazione contromano – Inversione del senso di marcia – Sorpasso su strisce pedonali – Sorpasso su linea continua

punite con la reclusione da 5 a 10 anni  in caso di omicidio e da 2 a 4 anni in caso di lesioni.

REATO DI LESIONI PERSONALI STRADALI(Art. 590 bis del codice penale)

 

Chiunque cagioni per colpa ad altri una lesione personale con violazione della norma sulla disciplina della circolazione stradale è punito con lareclusione da 3 mesi a 1 anno per le lesioni gravi e da 1 a 3 anni per le lesioni gravissime.

Nel caso l’autore sia in stato di ebrezza o sotto l’effetto di droghe è punito con la reclusione da 3 a 5anni per le lesioni gravi e da 4 a 7 anni per le lezioni gravissime. Se l’incidente è causato da manovre pericolose scatta la reclusione da 1 anno e 6 mesi a 3 anni per lesioni gravi e da 2 a 4 anniper le gravissime.

Si ha colpa quando manca la volontà di determinare un qualsiasi evento costituente reato, ma l’evento si verifica ugualmente per negligenza, imprudenza, imperizia o per inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline (art. 43 c.p.).

 

PROCEDIBILITA’ D’UFFICIO DEL PROCEDIMENTO PENALE

Nei casi di omicidio stradale e lesioni personali stradali il procedimento penale si apre d’ufficio.

Pertanto l’autorità giudiziaria deve immediatamente perseguire il colpevole, non è necessaria la denuncia querela della parte lesa.

L’imputato deve predisporre immediatamente le migliori difese, affidandosi oltre che ai migliori avvocati, se necessario anche a consulenti tecnici preparati, per individuare gli elementi su cui puntare per ottenere l’assoluzione o la condanna più lieve.

Può essere indispensabile per esempio effettuare la ricostruzione cinematica dell’incidente o la perizia tecnica dei veicoli coinvolti, per acquisire prove a difesa da far valere nel processo.

CRITICITA’

La nuova legge riguarda non solo i pirati della strada o coloro che si mettono al volante in stato di ubriachezza o sotto l’effetto di droga (i cui comportamenti devono essere puniti in modo severo ed esemplare),ma anche chi commette infrazioni diffuse e all’apparenza banali come anche il più prudente dei guidatori almeno una volta nella vita.

Sarà trattato da “assassino”anche chi è vittima o di una semplice distrazione che si trasforma in tragedia.

Spinti dall’urgenza di dare una risposta ai delitti diffusi e tragici come quelli commessi da guidatori altamente pericolosi, si va verso un sistema che colpevolizza sempre più anche utenti fondamentalmente “normali”.

Il nuovo quadro normativo, con le relative severissime sanzioni, imporrà la necessità di garantire sempre indagini e processi approfonditi e conseguentemente attività articolate e impegnative di avvocati difensori.

Fino ad oggi l’incidente mortale non è stato qualificato come un omicidio di malavita, ed i responsabili di tali reati ben difficilmente sono stati puniti con il carcere.

 

Con la nuova legge la galera si rischia davvero. E, per evitarla, gli imputati dovranno affidarsi ai migliori avvocati, e a chi economicamente non potrà permetterselo non resterà che “appellarsi alla clemenza della Corte”

 

LA SOLUZIONE

La soluzione è la polizza di Tutela Legale che permette di circolare in sicurezza e con la serenità di ottenere sempre assistenza e consulenza, oltre che il rimborso di tutte le spese necessarie alla difesa nei processi per omicidio stradale o lesioni personali stradali.

L’assicurato potrà affidare la sua difesa all’avvocato di cui si fida, potrà incaricare i migliori consulenti tecnici in grado di verificare ogni più utile elemento per fare valere i suoi diritti nel processo, senza dover pagare nulla per l’attività svolta dai professionisti.

La copertura assicurativa riguarda il rimborso delle spese investigative e quelle processuali.

Tutte le polizze RCAuto dovrebbero assere accompagnate dalla copertura di Tutela Legale, soprattutto quelle dei privati (ignari per lo più della gravità delle pene nelle quali possono incorrere) e quelle degli autisti professionisti.

Ogni azienda deve essere munita di polizza di Tutela Legale, a copertura del rischio che corrono i proprio autisti che, come visto, sono puniti con pene severissime.

Con pochi euro al mese si ottiene una copertura indispensabile.

Soltanto chi può permettersi di spendere decine di migliaia di euro per spese legali senza mettere in crisi il bilancio famigliare, può essere disinteressato.

Consigliamo vivamente di integrare le Vostre polizze RCAuto con la garanzia TUTELA LEGALE.

 

I ns. uffici e i ns. collaboratori sono a Vs. disposizione per un preventivo senza impegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *